shouting-with-megaphone-young-woman-with-smoke-and-neon-light-on-black-background-highly-t
europe logo png.png

Programma Erasmus+

Erasmus+ Call 2021

KA2 2021 Partenariati di Cooperazione

Settore Istruzione scolastica KA220-SCH

Fair News

Learning to navigate knowledge

ID: 2021-1-IT02-KA220-SCH-000032745

01/12/2021 - 30/11/2023

Capofila:

Spazio Reale Formazione

Partner:

Toscana Oggi Società Cooperativa

Trace & Dreams, Svezia

Know & Can Association, Bulgaria

Vienna Association of Education Volunteers, Austria

Centre of Resources and Consultancy in Education, Romania

Il progetto, della durata di due anni, sarà rivolto agli studenti delle scuole superiori e ai loro insegnanti e mirerà non solo a migliorare la comprensione e l’identificazione delle fake news e del loro funzionamento, ma vuole lavorare con insegnanti e studenti per approfondire la loro comprensione di come la conoscenza e i contenuti vengono creati e distribuiti.

Nel febbraio 2020, Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore generale dell'OMS, ha affermato che "non stiamo solo combattendo un'epidemia, stiamo combattendo un'infodemia". La pandemia COVID-19 ha reso ancora più chiaro come la cattiva informazione e la disinformazione siano una minaccia per le nostre società, le nostre democrazie, la nostra gente.

 

Ma già nell'agenda strategica per il 2019-2024, si sottolinea che l'UE è impegnata a proteggere le società, i cittadini e le libertà dalle minacce ibride, comprese la cattiva informazione e le azioni di disinformazione.

 

Il progetto raggiungerà il suo scopo principale attraverso i seguenti obiettivi specifici:

  • Comprendere il panorama dei media e del funzionamento delle fake news

  • Approfondire la comprensione di come la società crea conoscenza (basata sulla teoria della conoscenza)

  • Capire come i contenuti vengono prodotti e condivisi da un punto di vista tecnico e creativo

  • Capire come navigare e co-modellare il panorama dei media nel 21° secolo.

  • Condividere metodologie e strumenti di contenimento e delle fake news a favore delle fair news.

Il progetto procederà attraverso quattro fasi di attività:

  1. Fase 1 (4 mesi): Ricerca, formazione e facilitazione degli educatori in esperienze, bisogni, e abilità nel pensiero critico, Teoria della conoscenza e Media e Information Literacy per gli studenti delle scuole superiori. Questa fase prevede un'attività di formazione transnazionale (C1) per operatori educativi, che coinvolga tutti i partner, seguita da una serie di webinar attraverso i quali gli educatori possono condividere la loro esperienza dei problemi affrontati dagli studenti e sviluppare un approccio metodologico alle soluzioni. La formazione sarà facilitata da Traces&Dreams.

  2. Fase 2 (6 mesi): Laboratori collaborativi con studenti delle scuole superiori su pensiero critico e Teoria della Conoscenza. Questa fase prevede un serie di laboratori collaborativi, ospitati da organizzazioni educative in ogni paese con il supporto metodologico di Traces&Dreams. La comunicazione e la collaborazione transnazionali saranno abilitate attraverso l'apprendimento misto digitale. I laboratori favoriranno la comprensione del pensiero critico e della Teoria della Conoscenza attraverso l'analisi di come la conoscenza viene creata e diffusa nei media. I giovani svilupperanno le capacità per condividere la loro esperienza e comunicare la propria comprensione attraverso progetti personali e di gruppo.

  3. Fase 3 (6 mesi): Laboratori pratici su principi di Media e Information Literacy e di creazione e distribuzione della conoscenza. Questa fase prevede una serie di workshop pratici incentrati sull'alfabetizzazione mediatica, sulla cittadinanza digitale e sull'analisi, produzione e distribuzione di notizie sui vari media, tenuti con studenti delle scuole superiori di ogni paese con il supporto metodologico di Traces&Dreams e Toscana Oggi. I partecipanti produrranno il proprio giornale digitale basato sul concetto di "fair news".

  4. Fase 4 (2 mesi): installazioni ed eventi di lancio del giornale digitale in ogni paese, attraverso i quali i giovani potranno lanciare il giornale digitale, condividere le proprie conoscenze e le proprie creazioni, fungere da ambasciatori presso i propri pari e generare una comunità educativa permanente che includa tutte le parti interessate.